Mario M. era un ragazzo di diciotto anni che, una volta fuggito da casa fu arrestato due volte perché lo trovarono a fumare marijuana, ora è in attesa di essere processato. La sua famiglia è riuscita a farselo riconsegnare dal tribunale e si è assunta il difficile compito di sorvegliarlo.
Mario sembra avere accettato questa volta la silenziosa custodia, ma ha anche bisogno dei suoi compagni.
Lo hanno mandato di nuovo a scuola, quest’anno è di licenza liceale professori e compagni cercano di aiutarlo.
La famiglia ha deciso che dopo le ore di lezione a scuola è meglio che resti a casa e gli amici vanno a turno a studiare con lui.
Il primo turno toccò a una ragazza, la cui madre non accettò subito l’incarico, ma solo dopo ore di discussioni tra le due la convinse, a patto di chiamarla appena arrivava e quando partiva per tenerla sottocontrollo.

 

INDICE